BAITA CHEGGIO

STUPENDA DIMORA CIRCONDATA DA CIME ALPINE INNEVATE

La cucina è in abete antico spazzolato. Abbiamo voluto sagomare il cassettone centrale e alcune parti del basamento con dentelli e mezzi cerchi per creare un richiamo agli antichi ambienti alpini. Geniale lo scolapiatti, permette l’apertura della finestra e non ostruisce la visuale e il passaggio della luce.
La vineria è una chicca della zona giorno, le sue portine si trovavano in questa baita da tempi lontani, le abbiamo recuperate e inserite nel mobile dando loro una nuova identità.
Di grande valore anche la scala, realizzata interamente in larice antico. I travetti utilizzati sono stati attentamente selezionati per ottenere piantoni e ringhiere con misure e sezioni simili.

parlano di noi

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo